BnF. Bibliothèque de l'Arsenal. Ms-8536

ReadAboutContentsHelp
Recueil de cartes de géographie, suivi de la Sfera, poème de Goro di Staggio Dati



Pages

57v
Complete

57v

{[Sun]}

¶ Chiaro splendore e fiama relucente Sopra tute altre creature belle Di te considerar mancha ogni mente Di te parlar ven meno ogni favelle O luce che alumini la gente Nobili sei piu ch'alcuna stella Tu rendi al mondo figura de dio Piu ch'altra cossa dico al parer mio.

¶ O sole o cossa sola singulare Che ci mesuri el tempo a questo mondo E ralegri la terra l'aria el mare Quando revegion tuo viso iocundo Benche nesuna vista po guardare Per li toi ragi in quel corpo rotondo La virtu tua ch'ogni cossa produce Stendendo giu la tua chiara luce

{[Similitudo]}

¶ Perfecta piu che alcun'altra figura E la figura splendida la quale Non n'a principio on fine in sua misura Questa e similitudine eternale Non se po maculare sua luce pura Per cossa corruptibile o mortale A tute cosse da generatione Principio e fine e varia conditione

Last edit over 1 year ago by Laura K. Morreale LLC
58r
Complete

58r

¶ Or non si de alcun maravigliare Come sia uno idio in tre persone Distinte e ciascun singulare Non misti ma cum perfecta unione Tu vidi el sole e il corpo solare E la luce e'l calor cum ragione Cognosci che non n'e quel l'un che l'altro E non e poi o prima l'un che l'altro

[rubric: Il padre genera el figliolo.]

¶ Genera quel spechio lo splendore E non lo spechio lui et amendue Insiememente procede il calore E non -e- ne sera giamai ne fue Da un a l'altro ne tempo ne hore Inmediate fa l'opre sue Si tosto come appare ne l'oriente Vedi i suoi ragi e suo calor si sente

[rubric: I pagani çioe. christo.]

¶ Non cognoscendo il vero creatore Ne vegendo piu nobil creatura La gente anticha stete in grande errore Ch'el chiamarno Idio de la natura Ivi adorando e facendoli honore E templi e sacrificii cum gran cultura Si che stesse qua giu la luce vera Il vero idio cie la monstro quell'era

Last edit over 1 year ago by Laura K. Morreale LLC
58v
Complete

58v

¶ Colui in cui il sole ha sua potentia Si con lor concepti e nascimenti Homini sono di grande intelligentia Che dano lume a tuta l'altra genti Di gran doctrina e di gran sapientia E al ben operare non son mai lenti Ferventi sono e pieni de caritade Ne i quali regna suma veritade

[rubric: Venus.]

¶ Poi seguita de venere il pianeta Lucente stella e par [corr: a second scribe has overwritten this word, possibly due to error or fading] che sempre rida E suoi son tuti di natura lieta. Reali e chiari a chi de lor si fida Vagi sono adornar d'oro e di seta Cortisi aliegri e inimici di mida Inclinati a luxuria e van dilecto Se lasseno la ragione de l'intelecto

[rubric: Mercurio.]

¶ Mercurio fa l'omo esser ben parlante E con industria de mercantia Porocuratore e Iudice avocante Tractator di qualunca cossa sia Custui fu figliolo de l'alto tonante E suo imbassator per ogni via Secondo di poeti el sentimento E la sua stella par che sia d'argento

Last edit over 1 year ago by Laura K. Morreale LLC
59r
Complete

59r

[rubric: Luna.]

¶ La luna e tra pianeti el piu sottano E che piu tardi compie sua giornata Suo cielo e transparente diafano Come sum li altri unde non e celata La vista si che si raguardi in vano Per tute in sino a la spera stellata Perche ha dilecto remirar in quelle Chiar pianeti e relucente stelle

[rubric: Obscuracion del solle.]

¶ Ma lo suo corpo Io dico de la luna Perche e solido e denso e non transpare Quand'ella s'interpone in parte alcuna Tra'l sole e noi per linea rita et uguale Sotto i suo raggi ci si monstra bruna E a noi non gli lassa trapassare E a le impresse e quando l'e compiuta De vechia in nova in quel puncto si muta

[rubric: Varacion de la luna.]

¶ Sença lume da se mutata scura Quanta ne vede il sole tanta n'acende Per questo e variabil sua figura Perche tra su e giu meça resplende E quanto -e- piu distante sua misura Dal sole tanto ogni di piu lume rende Sopra a la terra e quando si repressa Ogni di scema suo lume da epsa

[image, right margin at ¶ 1: Pen-drawn diagram of a circle within a circle representing an eclipse. Area between inner circle and outer circle partially tinted blue in bottom half of diagram, and partially tinted yellow in top half of diagram. Positioned between circles, at 12 o’clock: a blue crescent moon. Positioned external to circles, at 12 o’clock: a sun in splendour, tinted yellow. At centre of diagram: a small sphere tinted grey. Two straight lines radiate from small grey sphere, intersecting outermost circle between 11 and 12 o’clock, and between 12 and 1 o’clock. Between these lines, two additional straight lines radiate from small grey sphere to innermost circle; area between additional straight lines tinted grey.]

[image, right margin at ¶ 3: Pen-drawn diagram of a circle within a circle representing the phases of the moon. Area between inner circle and outer circle partially tinted blue in bottom half of diagram, and partially tinted yellow in top half of diagram. Positioned external to circles, at 12 o’clock: a sun in splendour, tinted yellow. At centre of diagram: a small sphere, labelled with black ink, and tinted half yellow and half grey (label: Terra). Inner circle bisects three further spheres, located at 3 o’clock, 6 o’clock, and at 10 o’clock, each tinted half yellow and half grey. Yellow halves of all four spheres face towards sun in splendour.]

Last edit over 1 year ago by Laura K. Morreale LLC
59v
Complete

59v

[rubric: Obscuracion de la luna.]

¶ E quando ella e per drita oppositione Da lo spechio del sole e piu luntana Conven che se demonstri obscuratione Se in quel puncto e da noi soprana E al eclipse acade per cagione Che la terra se trova alor meçana Tra lei e 'l sole e perche l'e magiore I raggi di passare non han vigore

[rubric: Effeti de la luna.]

¶ Sopra tuti gli humori ha molto a fare In tuti gli animali e ne le piante E nel suo crescere e nel scemare Da força e de beleça a tute quante In epsa molto si de reguardare Chi e di corpi infirmi medicante E de multi sim l [corr: l crossed out] vede la ragione Che manchano ne la confirmatione

¶ Ni corpi humani ha dominatione Pigra influentia e male e basso ingegno Mutabil e volante conditione Gente da non fidarsene col pigno Sença firmeça cum puoca ragione Se lanimo vora seguir el signo Cor femenille non sa che se volgia E di cio che gli haven sempre fa doglia

[image, left margin at ¶3: Two concentric circles surrounding a central orb, the outermost tinted at the top with yellow wash with a sun in splendour at 12 o'clock (label: Sole); the innermost shadowed blue on the left and right with the crescent moon at 6 o'clock label: luna). The inner orb is bisected with the upper half shaded in yellow (label: di), the lower-half in black (label: note).]

Last edit over 1 year ago by cebenes
Displaying pages 6 - 10 of 47 in total